AVERSA – Ancora un titolo provinciale, l’ennesimo per la Sigma Aversa: la società normanna ha infatti conquistato il gradino più alto del podio nella competizione Under 13 3X3 dedicata ai pallavolisti del futuro. Ancora un successo per gli allenatori Ignazio Nappa e Pasquale Marrone che sono riusciti a portare nella finale a tre giocatasi al PalaNovelli di Marcianise ben due squadre. A trionfare è stata la formazione A (che ha battuto 2-0 la squadra B e con lo stesso risultato anche il Cellole) ma in generale ha vinto la Sigma Aversa che si conferma essere la società che lavora meglio nel settore giovanile. Basti pensare che l’Under 13 della Sigma Aversa ha vinto 8 gare su 8 non perdendo mai nemmeno un set. Nei prossimi giorni si conosceranno le avversarie della fase regionali: a rappresentare Caserta ci sarà oltre alla Sigma anche Cellole; poi ci saranno tre squadre della provincia di Napoli, 2 di Salerno e 1 della federazione di Irpinia-Sannio. Questo è il terzo titolo provinciale dopo quello ottenuto con l’Under 14 e l’Under 16 e per la terza volta consecutiva a premiare i giovani normanni non è stato il presidente della Federazione di Caserta ma un delegato. Questo ovviamente non fa bene alla pallavolo e a chi continua a credere che il volley sia uno sport che “è differente”. Nonostante queste assenze hanno comunque gioito, sotto lo sguardo attento del presidente Sergio Di Meo, i campioni del futuro Francesco Barretta, Dario Comella, Davide Saulino, Andrea Di Meo, Mattia Costanzo, Mario Gatto, Luigi Orabona, Marco Schiattarella, Simone Marrone e Carlo Cirillo. Menzione speciale anche per il dirigente Ciro Stabile e per l’istruttore Aurelio Di Caprio. Ma non finisce qui perché il direttore tecnico Ignazio Nappa sottolinea che “anche la squadra Under 13 6X6 sta disputando un ottimo campionato e siamo a punteggio pieno dopo 4 gare. Anche qui ‘rischiamo’ di vincere il titolo provinciale. E poi non ci fermiamo visto che sono in programma anche la Final Four Under 16 (3-4 Maggio) e le finali nazionali di Agropoli a fine maggio. Nessuno forse è riuscito a fare tanto in tutta la Campania”.