AVERSA – L’Under 20 della Sigma Aversa è riuscita nell’impresa di vincere il titolo regionale e di qualificarsi alle finali nazionali che si terranno dal 31 maggio al 3 giugno ad Agropoli (in provincia di Salerno) e uno degli artefici di questo miracolo è senza dubbio il direttore tecnico del club Ignazio Nappa. L’allenatore è riuscito a costruire un gruppo, grazie al supporto di società amiche come l’Olimpica Avellino, l’Agca Napoli, la Pallavolo Ischia, Vitolo Volley, Volley World, l’Indomita Salerno e l’Atripalda Volley, che ha lasciato solamente le briciole alle avversarie e che ora è pronto a competere con le migliori formazioni d’Italia provando a portare il più in alto possibile la Campania soprattutto perché si gioca ‘in casa’.

Coach Nappa si dice “soddisfatto per un lavoro eccezionale di tutta la società guidata dal presidente Sergio Di Meo che ha portato la Sigma Aversa a perdere solamente un set in queste 12 gare tra campionato e Final Four. Voglio ringraziare anche il mio amico nonché collaboratore Pasquale Marrone perché insieme stiamo facendo qualcosa di unico. Questa formazione Under 20 è composta da tanti ragazzi che l’anno scorso hanno vinto il titolo Under 19, e questo significa che dietro c’è un lavoro di ben due anni che ci fa anche ben sperare per il futuro visto che pensiamo che il gap con le altre Regioni si sia ridotto. E’ chiaro che ci ritroveremo a giocare contro pallavolisti che hanno già esperienze in A2 e qualcuno anche in SuperLega ma di certo noi non andremo ad Agropoli per fare da vittime sacrificali”.

Per una società che rappresenta la Campania ma anche la provincia di Caserta e che negli ultimi anni ha vinto praticamente di tutto a livello giovanile “sono arrivati complimenti e riconoscimenti da tutta la Campania, partendo da Napoli e arrivando a Salerno e Irpinia-Sannio. La pallavolo è uno sport che regala emozioni e che permette di far conoscere la propria terra in tutta l’Italia. Questo a dimostrazione che alla fine vengono sempre riconosciuti il lavoro e i sacrifici di società che cercano di portare avanti il movimento del volley”.