AVERSA – Il girone d’andata della Pool B di Serie A2 per la Sigma Aversa si chiude nel peggiore dei modi, con una sconfitta per 3-1 contro la Pool Libertas Cantù che rovina tutti i piani della società guidata dal presidente Sergio Di Meo. L’avversario, almeno sulla carta, non era dei più proibitivi ma la sfortuna e ancora una volta le assenze hanno condizionato la sfida di capitan Libraro e compagni. Serve subito voltare pagina perché ogni obiettivo è ancora possibile: sabato prossimo (3 marzo) alle 18 sarà ancora una volta il PalaJacazzi ad ospitare i guerrieri aversani. Arriva la Sieco Service Ortona: sarà l’ultima spiaggia.

PRIMO SET. La Sigma Aversa, orfana del palleggiatore Pinelli rimasta a casa con l’influenza (al suo posto Grassi), riesce ad avere una partenza sprint guadagnando punti sugli avversari col muro di Giacobelli, la parallela di Santangelo, l’ace di Grassi ma anche le ottime ricezioni di Libraro, Simeonov e Vacchiano. Vigil, quando chiamato in causa, sbaglia poco e in pochi secondi la contesa arriva sul 15-8. I sette punti di vantaggio sono sufficienti per chiudere il set in vantaggio amministrando il match (25-18).

SECONDO SET. Sostanziale equilibrio nelle prime battute del parziale con le due squadre che arrivano appaiate a 11 e sembra che si debba lottare fino alla fine per la conquista del punto. Ma poi la Libertas mette la freccia piazzando un break (12-17) che costringe coach Bosco a chiamare time-out per tranquillizzare i suoi ragazzi. Quando Cantù arriva a 20 ha ben 6 punti di vantaggio da amministrare. La formazione brianzola conquista addirittura 8 set point (16-24). La squadra del presidente Di Meo prova la rimonta ma è troppo tardi: arriva a 20 ma Cantù cambia campo siglando l’1-1.

TERZO SET. Gli ospiti partono subito a razzo (4-9) dimostrando che non regaleranno nulla. Nonostante il time-out e la strigliata dell’allenatore normanno i brianzoli riescono a dare continuità al break (4-11). Ma poi parte la rincorsa della Sigma (8-13) che però si ferma sul più bello perché Cantù riesce ad amministrare i 4/5 punti di vantaggio portandoseli fino alla fine. Arriva sul 20-24 regalandosi 4 set point. Ne basta solamente uno: si gira campo con la Libertas in vantaggio per 1-2.

QUARTO SET. Come nel secondo set sia Sigma Aversa che Pool Libertas Cantù giocano alla pari combattendo punto a punto fino al 7 pari. Il primo doppio vantaggio è dei normanni (9-7) che provano immediatamente ad allungare cercando il break. Ma i brianzoli non mollano nulla riuscendo prima ad accorciare e poi a pareggiare i conti a 13 e quindi a siglare il vantaggio (13-14). Punto a punto fino al 21-22 ma poi ecco il break decisivo: 21-24. Aversa annulla due match point ma sul terzo Cantù festeggia: il miracolo non accade, la gara finisce 23-25 a favore degli ospiti.